Rap Soprano (Club Dogo)

Don stendi il beat tempi di dolore e gioia con il mic in mano pesto come De La Hoya col mio frre rimo al max come le Nike Air la sera degrado addosso a una clre lascio cerebri commossi con celebri rap flussi la mia rima stringe tight come una thai pussy ogni metafora ti fora tipo P-38 per il rap sono il papavero per l'oppio scrivo l'adrenalina e l'inchiostro che spargo prende forme complesse apre teste come un chirurgo rap-cospirazione fanculo alla pop-cultura funk vibrazione per l'anima la mia cura in dolby coi manigoldi sovverto ogni regola squillami per l'accordo che avvolgo rime nel cellophan porto il dramma come Merola Mario in stereo arrivo nel tuo circondario Rit.: In Milano Soprano Club Dogo il suono cartella come Marciano rime punte di diamanti lirici divi troppo pesanti per la radio e per la tivi. Nelle piazze la gente chiede di Jake per le movide col supply i party col mic le dritte sulle Nike le rettifiche sui booster i pesi dentro alle buste sa le mosse giuste sui fatti di street-life do lezioni di flow nei dischi rap e spingo i cut di Riky Le Roi coi riddim di Beenie Man io nemico degli imposter sanno che li accarezzo col bloster poi gli scopo le donne e gli do il mio poster chiudo biz con pusher di spliff se l'importante l'atterraggio come Vinz ho l'Opinel dentro ai jeans ho pappa sotto contratto il fatto che non me ne fotte un cazzo di chi non mangia nel mio piatto no pain no gain, ho pi attitudini funky di Purple Rain e si sa che sono duro a morire come Mc Lain ho flussi come le Benz truccate su metriche serrate e per chi vuole testare io ho le testate! Rit. Sono una spinta per i fra l'anfetamina nei blunt un portento del rap con la coca nel dna un bastardo di Milano birra in mano calamit per la tua incolumit se non ci conosciamo degenero dentro i bar come P.Diddy faccio le truffe dentro i club spacciando per canne i beedies ti ricordi di me sono Jake Sacre Scuole sono quello che ti ha stretto la mano e ti ha fatto il Rolex! Fondo il microfono come il mercurio che dal termometro esplode nel consultorio e uccide l'infermiera nello straordinario rivoluzionario lirica raffica del sicario che fa fuori il vicario milano calibro 9 sullo stradario aperto il mio terzo occhio a Tokyo il mio fuso orario chi legge una mia rima la sottolinea chi la sente manda indietro tre volte dopo continua! Rit.